(29) A Pisa, la strada verso casa

2016, Nov 24 | Azioni, Notizie, Video dai Soci

simbolo
Shares
“Housing first: la strada verso la casa”, è un progetto della cooperativa sociale “Il Simbolo”, che si inserisce nel quadro delle prassi di innovazione sociale, promosse negli ultimi anni in tutto il territorio nazionale dalla Federazione Italiana Organismi per le Persone Senza Dimora (Fio.PSD) nel campo della lotta alla homelessness.

In particolare, il progetto si avvale dell’approccio Housing First, che prevede l’inserimento in appartamenti indipendenti di persone senza dimora con problemi di salute mentale o in situazione di disagio socio-abitativo cronico allo scopo di favorirne percorsi di benessere e integrazione sociale.

La Cooperativa Il Simbolo – come soggetto gestore del progetto – e la Società della Salute della Zona Pisana – in qualità di ente pubblico responsabile dell’attuazione dei programmi di intervento nel settore della grave marginalità – sono entrambi membri del Network Housing First Italia.

Le caratteristiche dell’intervento che il progetto utilizza e che distinguono l’Housing First da altri approcci, sono:

  1. housing choice (la persona è invitata a scegliere dove abitare), housing availability (programmi di accesso alla casa con o senza sussidi all’affitto, disponibilità della casa senza limiti di tempo o vincoli al raggiungimento di obiettivi), affordable housing (le persone compartecipano all’affitto);
  1. separazione tra housing (inteso come diritto alla casa) e trattamento terapeutico;
  2. libertà di scelta e auto-determinazione della persona;
  3. supporto intensivo dello staff/équipe nei confronti della persona (visite frequenti, accompagnamento presso i servizi sociali, sanitari, di collocamento lavorativo, educativi, ricreativi, ecc.);
  4. attenzione privilegiata alle persone senza dimora croniche con problemi di salute mentale o dipendenza da droga e/o alcol;
  5. approccio di riduzione del danno.

Gli obiettivi principali del progetto sono volti a favorire: housing stability (mantenimento dell’appartamento); cambiamenti nell’uso di droghe e alcol (diminuzione/stabilizzazione); cambiamenti nello stato di benessere psico-fisico (salute mentale); efficienza dei costi (riduzione dell’utilizzo dei servizi di bassa soglia del territorio, riduzione dell’uso di servizi di pronto soccorso e psichiatrici; incremento della capacità di inclusione sociale e di utilizzo dei servizi collettivi; incremento del senso di sicurezza e controllo (benessere ontologico).

simbolo2
Shares
Ad oggi, il progetto “La strada verso casa” ha avviato a Pisa un percorso di Housing First mediante l’inserimento abitativo di due persone senza dimora in appartamenti singoli che, per caratteristiche e logistica, si prestano alla sperimentazione Housing First (appartamenti medio-piccoli, situati in zone centrali della città, disponibili sul mercato immobiliare pubblico o privato a prezzi calmierati).

Il supporto ai percorsi individualizzati delle persone è garantito da una équipe multidisciplinare di operatori che segue i più noti modelli di intervento diffusi nei programmi Housing First e che è collegato al Network nazionale promosso dalla fio.PSD. L’équipe svolge sia tutta la fase di primo inserimento abitativo (individuazione della persona, scelta dell’appartamento, della sistemazione logistica, degli arredi, ecc. mediante il coinvolgimento diretto della persona accolta) sia l’accompagnamento all’abitare e al vivere (visite domiciliari, accompagnamento della persona presso i servizi territoriali, supporto nella costruzione di una rete informale di vicinato, ecc.).
All’équipe è affidato anche il compito di curare la definizione dei dati di verifica dell’efficacia e dell’efficienza dell’intervento mediante gli strumenti di rilevazione adottati dal modello di valutazione del Network nazionale.

Da menzionare il “Progetto Homeless”, ovvero un sistema di interventi che intendono favorire la promozione del diritto di cittadinanza delle persone senza dimora, nato su impulso dell Caritas Diocesana di Pisa, nel 1996 e ha visto sin dall’inizio il coinvolgimento di soggetti istituzionali, Comune di Pisa e Società della Salute della zona pisana, che hanno garantito il finanziamento del progetto e di soggetti del privato sociale come le cooperative sociali “Il Simbolo”, “Il Cerchio” e “Il Melograno”, che ne hanno attuato i diversi interventi.

Contattaci

9 + 14 =

Sostieni anche tu la campagna

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share This

Condividi

Io sono con #HomelessZero